come cremare morto procedura cremazione defunti video della cremazione dei defunti cos’è e come avviene la cremazione come aprire un forno crematorio
processo di cremazione dei defunti come funziona un forno crematorio cremazione senza funerale.

Articoli

COS’È LA CREMAZIONE? DEFINIZIONE
La cremazione è il processo di dissoluzione meccanico, termico o di altro tipo che riduce i resti umani a frammenti ossei. La cremazione include anche la lavorazione e la polverizzazione dei frammenti ossei in pezzi che di solito non superano un ottavo di pollice.

La cremazione a base di fiamma utilizza la fiamma e il calore per ridurre i resti umani a frammenti ossei o resti cremati. Questo viene completato all’interno di una macchina chiamata crematore. La cremazione a base di fiamma è il tipo più comune di cremazione ed è disponibile nella maggior parte degli inpianti crematori. Questo processo è dettagliato in questa pagina di seguito.

UNA PANORAMICA DELLA CREMAZIONE
Ci sono almeno quattro elementi principali della cremazione.

#Trasporto del defunto dal luogo della morte al crematorio.
#Conservazione sicura e refrigerata del defunto prima della cremazione
#Il processo di cremazione stesso
#Restituzione delle salme cremate all’agenzia autorizzata o al familiare
Quando si confrontano prezzi e fornitori, assicurarsi che ogni elemento sia incluso nel prezzo e porre domande sulle politiche e procedure specifiche per la catena di identificazione in ogni fase.

Puoi comunque scegliere di fare una visita o una visione prima della cremazione, l’impostazione delle caratteristiche o il lavaggio e la vestizione del defunto. Puoi anche organizzare per assistere alla cremazione stessa.

TRASPORTO FUNEBRE
Il defunto sarà trasportato dal luogo della morte e portato direttamente al crematorio. Dal momento dell’allontanamento, l’identità del defunto viene accuratamente confermata in ogni fase del funerale. Ciò garantisce l’identificazione sia saldamente stabilita.

BUROCRAZIA FUNERALE
Ci vuole tempo per finalizzare le scartoffie e fare piani, quindi fino a quando i servizi non saranno pianificati e la cremazione sarà programmata, il tempo che intercorre tra la morte e la cremazione può variare considerevolmente in base a molti fattori; la cremazione avviene in genere almeno 48 ore dopo la morte.

FASI DEL PROCESSO DI CREMAZIONE
Il defunto sarà posto in un cofano funebre per la cremazione. Il requisito minimo per un contenitore per cremazione è che sia completamente chiuso, rigido, resistente alle perdite.
Il personale della struttura confermerà l’identità del defunto controllando tutta la documentazione. Verrà assegnato un numero di cremazione o altro identificativo (id). L’ID/numero è registrato su un registro di cremazione.

Quando sarà il momento della cremazione del defunto, la loro identificazione sarà confermata tramite la documentazione. La bara verrà portata all’unità crematore e posizionato su un tavolo davanti alla porta del crematore.

Verrà aperta la porta del crematore e il contenitore sarà collocato all’interno della camera primaria. Solitamente questa viene eseguita manualmente con l’ausilio di rulli di cartone o meccanicamente con un caricatore a rulli.

La porta verrà chiusa e la cremazione monitorata attentamente fino al suo completamento. Il processo può richiedere da 30 minuti, come nel caso di un nato morto, a più di due ore a seconda delle dimensioni del corpo e del calore immagazzinato nella camera.

Al termine del processo di cremazione, la porta verrà aperta i frammenti ossei rimasti, ora chiamati resti cremati, verranno accuratamente spazzati fuori dal crematore in un vassoio di raffreddamento, lasciati raffreddare e portati a un processore.

L’ elaboratore è una macchina che utilizza lame per polverizzare i frammenti ossei fino a quando i resti non sono di dimensioni inferiori.

I resti cremati vengono quindi trasferiti in un robusto sacchetto di plastica e collocati in un’urna cineraria.

L’urna e la sua scatola sono etichettate con documenti identificativi e controllate di nuovo prima di essere conservate per il recupero della famiglia.

COSA SI PUÒ CREMARE?
Gli oggetti personali del defunto, come gioielli, orologi o altri oggetti, verranno rimossi dal contenitore e restituiti alla famiglia previo accordo. A volte le famiglie chiedono che gli oggetti significativi siano cremati con il defunto. In alcuni casi questo può essere consentito, ma in molti casi no. Questo per motivi di sicurezza, in quanto non tutto è combustibile e può causare danni all’apparecchiatura o all’operatore se lasciato nel contenitore. Il direttore del funerale consiglierà alla famiglia cosa può o non può essere messo nel contenitore.

COSA C’È NEI RESTI CREMATI?
I frammenti ossei che rimangono nella camera primaria sono principalmente fosfati di calcio, con alcuni altri minerali minori. I resti cremati sono generalmente di colore da bianco a grigio. Inoltre, potrebbero esserci pezzi di metallo nei resti cremati: questo metallo potrebbe provenire da impianti chirurgici come protesi d’anca, otturazioni dentali, maniglie di cofanetti o gioielli che non sono stati rimossi prima della cremazione. Il metallo viene separato dai resti cremati prima che vengano lavorati (polverizzati). Il metallo è in genere riciclato

COME FACCIO A SAPERE CHE STO RECUPERANDO I RESTI DELLA PERSONA AMATA?
La catena di custodia si riferisce alla documentazione cronologica della custodia, del controllo, del trasferimento, dell’analisi e della disposizione dei resti e dei beni personali.
Questa è una definizione importante. La cremazione è un processo irreversibile, inarrestabile. Ogni fase del processo deve essere documentata, dal ricevimento dei resti umani allo smaltimento finale dei resti cremati, inclusa la restituzione dei resti cremati all’agenzia funebre autorizzata.

Punti di controllo di identificazione:

Rimozione del defunto dal luogo della morte
Trasporto al crematorio
Posizionamento in deposito
Inserimento nel crematore
Rimozione dal crematore
Lavorazione al polverizzatore
Collocazione in urna
Restituire all’agenzia funebre autorizzata

Processo di Cremazione

Portfolio